Turismo in macchina - Collecreta

Vai ai contenuti

Menu principale:

Turismo in macchina

Itinerari turistici

Al centro dei triangolo formato dalle citta' di Ascoli, Rieti e L'Aquila, Amatrice e' in posizione   ottimale per il villeggiante che vuole visitare le localita' dell'Italia centrale. Proponiamo qui quattro itinerari che rappresentano solo degli spunti per la fantasia del turista.

AMATRICE - VIA SALARIA - ASCOLI PICENO
Da Amatrice si prende la via Salaria seguendola sino ad Ascoli. Lungo la via si puo' visitare Arquata del Tronto che, con la sua Rocca (sec. XIII), domina dall'alto la Salaria, contrapponendosi all'imponente cima del Vettore (m. 2478). Sempre costeggiando il fiume Tronto, tra rilievi rocciosi e ricchi di boschi, si giunge ad Acquasanta Terme, dove si puo' ammirare il ponte romano sul Garrafo e il castello di Luco (sec. XIII - XV). Vi e' inoltre una frequentata stazione termale. Dopo poco piu'   di 50 Km., si giunge ad Ascoli Piceno, bella citta' ricca di monumenti artistici di ogni epoca. Si incontrano un po' ovunque torri e case romaniche e gotiche, palazzi rinascimentali e barocchi. Da vedere assolutamente la stupenda Piazza del Popolo, con gli affascinanti portici dei palazzetti rinascimentali, il palazzo dei Capitani e il fianco destro della Chiesa di S. Francesco. Non lontana la Piazza Arringo, con il Battistero, il Duomo, con l'imponente facciata eretta su disegno di Cola di Amatrice, l'Episcopio e il Palazzo del Comune. Quest'ultimo ospita la grande Biblioteca Comunale      e  la Pinacoteca Comunale che custodisce opere di Crivelli, Cola di Amatrice, Rubens, Tiziano, Reni, Allemanno e altri. Se non si e' soddisfatti si puo' far visita ai numerosi castelli dei paesi circostanti, oppure percorrere altri 30 Km. per arrivare al mare presso S. Benedetto del Tronto.

AMATRICE - L'AQUILA - LAGO DI CAMPOTOSTO - AMATRICE

A 54 Km. da Amatrice, L'Aquila, sorta, secondo la tradizione, come confederazione dei 99 castelli della conca, e' guardata superbamente dalla catena del Gran Sasso ed e' ricca di chiese, palazzi, piazze, fontane e altri monumenti di grande interesse artistico. Stimolante e' scoprire i bei porticati dei cortili o gli affreschi delle stanze dei vari palazzi, che si affacciano numerosi sulle caratteristiche vie della citta'. Tappa obbligata e' la maestosa Basilica di S. Maria di Collemaggio: alla stupenda facciata si contrappone l'interno austero che si mostra ancora con tutto il suo splendore gotico.     Fra le altre chiese, quella romanico-gotica di S. Silvestro e quella rinascimentale di S. Bernardino, con la bella facciata opera dell'architetto Cola dell'Amatrice. La citta' e' densa di fermenti culturali, con l'Universita', l'Accademia e il Conservatorio musicale ed e' bene, quindi, informarsi sulle manifestazioni artistiche, alcune delle quali si svolgono nel castello cinquecentesco, imponente fortezza, un tempo presidio militare e prigione. Da vedere infine, la famosa fontana delle 99  cannelle (sec. XIII). Anche i dintorni dell'Aquila sono ricchi di paesi con castelli, chiese e conventi degni di nota. Al ritorno si puo' seguire la SS.80 fino al passo delle Capannelle, dove si gira per il Lago di Campotosto che dista 22 Km. da Amatrice.Si gode da qui di un'ottima vista sul Gran Sasso.

AMATRICE - VIA SALARIA - RIETI
Alle falde del Terminillo (m. 2216), si estende Rieti, centro geografico d'Italia, con le sue belle    mura merlate e turrite del XIII secolo. Sebbene la citta' affondi le sue radici nell'epoca romana e preromana, le sue maggiori espressioni artistiche datano dal XII secolo in poi. Fra le opere piu' importanti sono: la dugentesca Chiesa romanica di S. Pietro Apostolo, il palazzo Vecchiarelli (sec. XVII), il palazzo della prefettura, il palazzo vescovile e la solenne Cattedrale - Basilica del XII secolo, con l'imponente torre campanaria (sec. XIII) e la suggestiva Cripta, a nove navatelle, consacrata   nel 1157. Si possono visitare il Museo del Tesoro del Duomo e il Museo Civico. Nei dintorni di Rieti sono importanti i santuari francescani di Poggio Bustone, della Foresta, di Fonte Colombo e di Greccio, dove fu fatto il primo presepio vivente. Lungo la Salaria conviene fermarsi a visitare le   belle cittadine di Antrodoco e di Cittaducale. Una nota particolare meritano le numerose risorgive della piana reatina: dopo quelle della Canetra, non distante dalle ottime acque solfuree delle terme di Cotilia, vi e' la risorgiva di S. Vittorino che, come d'incanto, profonde le sue acque dal portale dell'omonima chiesa, purtroppo in rovina. Sempre nella zona, vi sono le sorgenti del Peschiera con 18-20 m3 di acqua al secondo (di cui 16 vanno a Roma) e, prossima a Rieti, vi e' la Fonte Cottorella.Queste risorgive alimentano il fiume Velino, un tempo fra i piu' ricchi d'acqua della penisola, che costeggia la Salaria da Cittareale a Rieti e forma, verso Terni, la famosa cascata delle Marmore.

AMATRICE - NORCIA - CASCIA
Seguendo la Salaria verso Ascoli, si gira a sinistra per Forche Canapine, frequentata stazione sciistica. La strada sale cosi' fino a quota m. 1543 dominando le belle piane di Castelluccio (m. 1453), che si estendono sotto il Vettore. Proseguendo si arriva a Norcia. La bella cittadina umbra giace tra i monti, al margine del pianoro di S. Scolastica ed e' celebre patria di S. Benedetto e di S. Scolastica stessa. Si consiglia di vedere la Chiesa di S. Benedetto (sec. XIII - XIV) con la bella facciata gotica. Da Norcia si puo' ritornare verso la Salaria, passando per Cittareale visitando così    la chiesa della Madonna della Neve, la rocca di Cittareale, e il santuario di Capodacqua.  Proseguendo invece per la S.S. 396 e girando a sinistra per la S.S. 320, si arriva a Cascia. Le sue principali opere d'arte sono la chiesa gotica di S. Francesco e quella romanica di S. Maria, ma la cittadina e' nota soprattutto per il santuario dedicato a S. Rita, meta di numerosi pellegrinaggi, costruito (1937-47) vicino al monastero ove la santa si ritiro' in meditazione e mori'.                    Con la S.S. 471 si arriva a Leonessa, caratteristica cittadina sotto il Terminillo e di qui si giunge di nuovo sulla Salaria, presso Posta.


 
 
 
 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu